Il Pino Loricato

Albero maestoso e monumentale del Parco Nazionale del Pollino

Il nome da attribuire alla sua corteccia, molto spessa, da grigia a rossa-marrone che si fessura in ampie scaglie, dando al tronco un aspetto simile alla lorica squamata, il corpetto a scaglie metalliche che veniva indossato da alcune categorie di legionari dell'antica Roma.

Endemismi vegetali

Il pino loricato

Specie diffusa nella Bulgaria sudoccidentale, in Bosnia, Albania, Macedonia, Serbia, Grecia settentrionale (Monte Olimpo) e localmente nel sud dell'Italia. Raggiunge spesso il limite degli alberi in questa zona. È un albero sempreverde con un'altezza fino a 25-35 m. Viene coltivato come ornamentale in parchi e giardini.

È una specie che resiste bene anche al gelo, alla neve e ai forti venti. Sui versanti delle montagne dell'Appennino meridionale, in particolare nel massiccio del Pollino, riesce a vivere dove altre specie non potrebbero.

È presente raramente in Italia ed è anche la specie nazionale di pianta secolare più antica; nel Parco nazionale del Pollino, in Calabria, dove sono state rinvenute alcune migliaia di pini, è stato certificato che il più longevo abbia raggiunto nel 2018 l'età di 1230 anni, divenendo a tutti gli effetti il pino più antico d’Europa, precisamente nel Comune di Cerchiara di Calabria.

L'esemplare è stato ribattezzato con il nome di ITALUS.

Partners

IlPollino.it

© 2018 Sibari Natura S.r.l. P.I. 03128870783